Saddler & Leather Wares: SALEWA

Di Federica Marziale
Foto di Alberto Sinigaglia

Week 49
MOUNTAINEERING

Siamo ad alta quota, dove ciò a cui siamo abituati nel quotidiano si capovolge completamente, dove la funzionalità e la tecnicità si posizionano sulla punta più alta della piramide, dove si utilizza la leggerezza per descrivere e trattare concetti pesanti. Qui nessuna estetica è contemplata se non funzionale e nessuna addizione è permessa, si ragiona unicamente per sottrazione, ovvero per utilità.
Salewa è l’incontro di un produttore di selle con uno di arazzi e tappeti, avvenuto nel 1935 in un cortile di Monaco, senza forse neppure immaginare il successo che la costante attenzione per la ricerca avrebbe fatto raggiungere a SA (Sattler / Saddler) LE (Leder / Leather) WA (Waren / Wares).
Minimalismo, semplicità, leggerezza e praticità, condite con un’elevatissima attenzione alla qualità, sono da sempre i valori e le caratteristiche perseguite e approfondite da Salewa: risolvere le difficoltà, agevolare il percorso, appropriarsi della qualità, quindi della sicurezza, favorire la leggerezza, avvantaggiare il movimento. Ci sono regole imprescindibili quando il proprio corpo sfida la natura, entra in contatto con un respiro più grande del suo, si sente parte infinita dell’universo, e queste regole hanno necessità di essere tradotte, quindi sviluppate e prodotte, nella forma di prodotti ad elevate caratteristiche tecniche, nonché sicuri e infallibili.

Salewa ha sempre cercato il combustibile giusto per alimentare la propria ricerca e sperimentazione, ricerca approfondita testando nuove idee sul campo durante le spedizioni, quindi resa ancora più efficace da una forte partecipazione, sia pratica che emotiva. Da qui l’obiettivo di concentrarsi su articoli leggeri e di altissima tecnicità, prima impegnandosi nell’innovazione, dove viene, infatti, riconosciuta leader a livello internazionale per l’invenzione della vite da ghiaccio tubolare, successivamente ampliandosi e impegnandosi nella performance di prodotti di abbigliamento ispirati dal payoff “metà peso – doppia resistenza”.
Progettare un cappuccio regolabile con un mano, posizionare le tasche nella parte alta dell’abbigliamento per facilitarne l’accessibilità, regolare la temperatura attraverso l’uso di materiali tecnologicamente avanzati, progettare pantaloni versatili dal lungo al corto, significa investire nella sperimentazione, approfondire la tecnica fino all’estremo, progettare un design davvero funzionale.
Crescere progettando prodotti che consentono di vivere paesaggi incontaminati, di sentirsi integrati all’ambiente naturale, di esplorare territori inaccessibili, significa avere una disposizione d’animo realmente avventurosa.