24 ore a Como

Di Enrico Grigoletti
Foto di Martina Giammaria
Illustrazioni a cura di Giacomo Bagnara

Week 39
MILANO

Mai stato un grande fan dei laghi. L’acqua fredda, profonda la totale assenza di sabbia fine e tutta una serie di spiacevoli ricordi che spaziano dai tedeschi in calzino e Teva sbronzi sul Garda alle bisce d’acqua sul Lago Maggiore. Si, odio le bisce.
E poi c’è il Lago di Como, una piccola pepita incastrata tra Milano ed il confine svizzero. Anzi, proprio sulla strada che dalla capitale meneghina porta in Ticino, tanto che passandoci regolarmente per lavoro, per me Como ha sempre rappresentato più un luogo di passaggio che una destinazione.
Pertanto mi sembrava il minimo doversi sdebitare con la città di Como con una serie di tips per trascorrere una giornata di qualità. Giusto per confutare la mia tesi e per confermare che Como è in realtà una destinazione e non un luogo di passaggio.

Ore 08:30
Colazione da Poletti a Cernobbio

Lasciate perdere le leggende – nemmeno troppo leggende – sul fatto che potreste incontrare qualche VIP da Poletti. L’unico elemento degno di nota sono meringhe e l’eccellente pasticceria che troverete all’ora di colazione.

Ore 09:00
Da Poletti al parco di Villa D’Este

Rinomata per il Workshop Ambrosetti e per l’annuale Concorso D’Eleganza che raduna curiosi ed appassionati d’auto d’epoca, Villa D’Este ed i 25 acri di parco sono un’attrazione a sé stante. Senza elencare la lista di celebs del presente e del passato, basta la leggenda di Orson Welles intento a recuperare dalla piscina i fogli de La Signora di Shanghai per avere conferma dell’incanto di questo luogo.

2 (1)
Illustrazione © Giacomo Bagnara

Ore 11:00
Da Villa D’Este a Villa del Balbianello a Tremezzo

Vi basta sapere che la Villa del Balbianello è uno dei beni protetti dal FAI? No.
Vi basterà un rapido elenco dei film che sono stati girati all’interno della villa per convincervi. Star Wars, Casinò Royale e Piccolo Mondo Antico per citarne alcuni.

Ore 13
Pranzo alla Darsena a Tremezzina

A qualche minuto di strada dalla Villa del Balbianello, si trova la Darsena. Un’oasi di tranquillità e relax per rifocillarsi con un’incredibile vista sul lago.

Ore 14:30
Visita all’Aero Club Como

Se aprite il sito dell’Aero Club Como la prima cosa su cui vi cadrà l’occhio è “La più antica organizzazione di volo con idrovolanti e scuola di volo idro del mondo”. Un primato omologato dal Guinnes World Record.
Non so voi ma io sono già convinto.

contemporarystandard_como1
Illustrazione © Giacomo Bagnara

Ore 16:00
Shopping da Agiemme e Tessabit

Una visita ad una città non può essere completa senza una seria (anche se breve) sessione di shopping. Situato nella centralissima Via Indipendenza, secondo Monocle A.Gi.Emme è l’apoteosi della boutique chic italiana. Direi che solo contare Engineered Garments, Nanamica e Salvatore Piccolo tra i marchi del proprio roster è sinonimo di eccellenza.
Con circa una decina di boutique sparse per il centro di Como e segmentate secondo target ben specifici, Tessabit è in grado di coprire un vastissimo range di richieste, dalle label della moda ai marchi più indipendenti.

Ore 19:00
Aperitivo da Pane e Tulipani

Lasciatevi ingannare dall’apparenza perché oltre all’atmosfera rilassata e piacevole, i cocktail non lasceranno a desiderare. Per tutti quelli che non intendono fermarsi a Como per cena, la cucina di Pane e Tulipani è una validissima opzione per rifocillarsi.

3 (1)
Illustrazione © Giacomo Bagnara

Ore 20:30
Cena all’Antico Crotto a Porlezza

Per chi invece volesse continuare con calma la serata, l’Antico Crotto a Porlezza, oltre ad avere a disposizione diverse camere per chi volesse prolungare il proprio soggiorno, offre diversi piatti della tradizione culinaria locale rivisitati dallo chef stellato Sara Preceruti.

Giacomo Bagnara, laureato in architettura, vive e lavora come illustratore a Verona. La lista delle realtà per cui ha lavorato è molto lunga (da Corraini al New York Times, da Mr. Porter al Wall Street Journal). Per noi ha realizzato le illustrazioni di questa piccola guida.
Martina Giammaria è fotografa di base a Milano. Bloomberg Businessweek, Wired, L’Officiel Italia, Vice e Dossier Journal solo per citare alcuni titoli con cui ha collaborato.